costume

Er politicamente cor-retto

Noi che semo de Roma, semo gente semplice, gente de borgata, ma cor soriso su le labbra e cor luccicone, che se commovemo facile.
Semo quelli cor core cantatore quanno er sole scenne e more.
Semo quelli caa vespetta e cor pizzardone che ce rincore.
Caa chitara.
Caa barca ereditata da mi’ nonno.
Quelli cor Ponentino.
C’avemo na predilezzione pe’ la “ere”, la mettemo ar posto de la “elle”, semo er contrario de li cinesi che la ere manco la sanno pronuncia’ e c’hanno quei musi piatti che pare che j’hanno tirato na’ mattonata ‘n faccia.
Però na ere sola, che doppia è erore.
Semo quelli co’ li spaghetti ajo e ojo e cor carciofo a la giudia.
A noi sto politicamente cor retto mica ce sconfifera tanto.
Ah, se scrive tuttattaccato?
Ma che ce frega de Trumpe edde Bbaiden, politicamente corretto e senzaretto, semo ragazzi fatti cor pennello e le ragazze famo innamora’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *