Franco Nofori

Politica
L’Italia sta per sdoganare la pedofilia come semplice orientamento sessuale?

E’ giusto tutelare i diritti di tutti e tra questi diritti rientrano certamente anche le preferenze sessuali, ma il percorso si fa estremamente scivoloso quando, tra questi orientamenti, viene inclusa anche la pedofilia. Infatti, è da quasi due decenni che attraverso fantasiose elucubrazioni e varie forzature, ascritte a un preteso progressismo, si tenta di riconoscere una certa legittimità a questa inaccettabile perversione.

Politica
Cronaca di una catastrofe annunciata nell’Italia del terzo millennio

Alla catastrofe sociale ed economica che incombe sull’Italia, non concorre solo l’incompetenza e l’immobilità dell’attuale governo, ma contribuiscono anche la superficialità e l’insensatezza di una considerevole parte di cittadini che sembrano vivere al di fuori della realtà gingillandosi con fatui progetti e aspirazioni, mentre sul tutto veglia un’Europa padrona che concede sconti solo a se stessa

Politica
Quando la pazienza degli italiani assurge al valore di martirio

Affogata in un venefico cocktail d’incapacità, corruzione, asservimento ai poteri e irrisolutezza sulle questioni vitali, il nostro povero Paese langue in un furore impotente, contro chi è pronto a qualsiasi bassezza pur di conservare i privilegi che il dilagante nepotismo e lo scambio di maleodoranti favori, gli ha garantito. Ma anche la corda più resistente, con l’uso prolungato, finisce pur sempre per logorarsi e rompersi. Siamo vicini al momento del riscatto?

Politica
Gli amori politici di stagione, ovvero: una botta e via

Fin dalla creazione del primo governo repubblicano, di una cosa l’Italia poteva essere certa: cambiano i governi, ma non cambiano mai gli uomini che li avevano formati perché saranno gli stessi che li riformeranno. Oggi, però, la musica è cambiata. Gli innamoramenti hanno ceduto il posto al pragmatismo e l’impegno politico, non può più essere un mestiere a vita.

Approfondimenti Estero
L’Africa nera alle corti di Dracula

I satrapi africani e l’insulso umanitarismo occidentale formano il nefasto cocktail che condanna alla miseria il più ricco continente del mondo. L’assistenzialismo, sia esso genuino o di maniera, è il seme su cui germoglia l’incapacità di responsabilizzarsi e di autogestirsi. Così facendo s’indirizzano interi popoli all’accattonaggio, anziché renderli consapevoli delle proprie capacità e delle proprie risorse.