AttualitàFranco Nofori

Attualità
La famiglia Gaeta a Watamu e l’ipocrita indignazione degli italo-kenyofili

Il vergognoso attacco, attuato da alcuni italiani del Kenya, contro una famiglia caprese venuta in vacanza con due bambini piccoli e qui rimasta bloccata dall’avvento del coronavirus. La loro colpa? L’aver cercato di sensibilizzare autorità italiane e mezzi d’informazione, sul loro disagio, con la speranza di poter tornare in Patria.

Attualità
Siete stranieri residenti in Kenya? Avete un conto corrente presso una banca locale? Allora siate pronti a confrontarvi con la più ottusa imbecillità cosmica

L’Africa vuole realmente progredire? La persistente corruzione e una elefantiaca struttura burocratica che rifugge dal pragmatismo e dal semplice buon senso, scoraggia investimenti e semplici speranze nel futuro, mentre, pur se in alcuni casi il PIL cresce, crescono molto di più indigenza e degrado

Attualità
CONDANNATI A MORTE 7 RESPONSABILI DELLA STRAGE DI DHAKA DEL 1° LUGLIO 2016 DOVE FURONO TRUCIDATI 9 ITALIANI

La pena di morte infine giunge a fare giustizia dell’eccidio di 20 vittime di cui 9 italiani trucidati in un ristorante di Dhaka il 1° Luglio 2016. L’istantanea di una delle vittime descritta da chi l’ha conosciuta e che difficilmente potrà dimenticare. Ma la pena di morte per chi ha commesso l’eccidio è davvero così scandaloso?

Attualità
I due agenti uccisi a Trieste e le vergognose speculazioni che s’incrociano sulla tragedia

A Trieste muoiono due giovani agenti di polizia uccisi da un folle e in Italia si scatenano le strumentalizzazione di entrambi gli schieramenti politici. Notizie parziali, falsità e tentativi di insabbiamento affliggono la libera informazione e il “Nobile mestiere” del giornalista è solo più un eufemismo.

Attualità
L’IDEOLOGIA IMMIGRAZIONISTA SBARCA ALLA BIENNALE DI VENEZIA 2019
Il meglio e il peggio dell’arte La Biennale di Venezia quest’anno paga tributo all’ideologia dell’accoglienza senza se e senza ma. Una delle opere è una scultura di Lorenzo Quinn intitolata “Building Bridges”, costruire ponti. Consiste in due serie di enormi avambracci e mani che emergono da due sponde opposte, alla fine dell’Arsenale, e si congiungono, a simboleggiare “valori come amore, fede e amicizia”. Il critico d’arte Cristina Ruiz commenta l’opera…